Il presente sito fa uso di cookie. La prosecuzione nella navigazione comporta l'accettazione dei cookie. Ok

Il primo apicoltore nasce 8500 anni fa

Pubblicato Da: Alessandro Sichel In: Curiosità sulle api On: martedì, febbraio 28, 2017 Commento: 0 Hit: 220

Quando è nata l'apicoltura e quando sono "nati" i primi apicoltori?. 

Lo scopriamo in questo articolo.

Tutti conosciamo le famose immagini rupestri risalenti ai tempi dell’antico Egitto che, fin da allora, legavano gli umani alla dorata e dolce sostanza prodotta in natura dalle api: il miele.

A quei tempi, però, non si poteva ancora parlare di “utilizzo” della risorsa miele come alimento, ma soltanto di un’arcaica caccia ai prodotti che offriva la natura, in questo caso le api selvatiche.

Il mestiere dell’apicoltore, infatti, ovvero di colui che detiene e gestisce gli alveari, iniziò nel periodo neolitico, circa 8500 anni fa.

Questo è quanto emerge da un nuovo studio pubblicato sulla rivista “Nature”.

La ricerca, guidata dall’Università della Bristol, ha elaborato i dati di un’estesa analisi durata 20 anni su 6400 reperti di vasellame scoperti in circa 150 siti archeologici europei, del Medio Oriente e Nord Africa, in cui sono state rinvenute tracce di cera d’api, probabilmente utilizzata per rendere impermeabile l’argilla, ma anche per scopi tecnologici, rituali, cosmetici e farmacologici.

Si tratta, secondo gli scienziati, di una firma chimica distintiva della diffusa associazione tra esseri umani e api nel Neolitico.

Il reperto più antico, datato al settimo secolo prima di Cristo, è stato scoperto in un sito archeologico in Anatolia (Turchia).

Lo studio fornisce una prova inequivocabile della distribuzione paleoecologica di un insetto importante dal punto di vista economico e culturale e mostra un diffuso utilizzo delle api da parte dei primi agricoltore, retrodatandone la cronologia dell’associazione tra uomini e api.

Fonte: L’Apis N.1/2016

Commenti

Lascia il tuo commento